Sei in Home / La Fondazione / Notizie ed Eventi / L’ACI immette il primo video "virale" per l'educazione stradale

L’ACI immette il primo video "virale" per l'educazione stradale

Categoria: Primo piano

15.02.2013

Più di mezzo milione di contatti nelle prime ventiquattro ore

Un automobilista imbranato tenta un’improbabile inversione ad U e blocca un intero paese (Cardito, in provincia di Napoli).

Questo è il video che ha fatto impazzire il Web: più di mezzo milione di contatti nelle prime ventiquattro ore e poi il boom. Programmi televisivi (Tg5, TgCom, Pomeriggio5...), Facebook, Twitter, YouTube, quotidiani nazionali ed internazionali on line (dal Corriere della Sera a Repubblica fino al Guardian) e decine di siti di news in tutto il mondo.


Tutto vero? No: tutto costruito. Automobilista, passanti, motociclisti, sacerdote e fedeli sono attori o comparse.
Nessuno ha sospettato che si trattasse del primo “virale” italiano dedicato all’educazione stradale.


Il progetto “Ready2Go – ACI” intendeva “sensibilizzare i giovani all’educazione stradale in modo accattivante usando il loro stesso linguaggio.


Gli incidenti sono la prima causa di morte per i ragazzi tra i 14 e i 24 anni e questo video ha permesso di stabilire un contatto che adesso non bisogna abbandonare.


Guarda il filmato su YouTube e il servizio con cui "Striscia la Notizia" svela l'autore del video.