Sei in Home / Focus / Crash test ACI -ADAC 2012

Crash test ACI -ADAC 2012

 

Secondo una recente indagine, in Italia il tasso di utilizzo medio delle cinture di sicurezza non supera il 70% (Progetto Ulisse - ISS, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).

Gli ultimi dati rilevati dall’Istituto Superiore di Sanità, relativi al biennio 2009-2011, rivelano infatti che l’uso delle cinture di sicurezza nelle aree urbane riguarda meno del 64% degli utenti. Tali dati segnalano anche differenze significative in relazione alle diverse aree geografiche del Paese: il 77,5% al Nord, il 66,5% nelle regioni centrali e il 44,9% in quelle dell’Italia meridionale e insulare.

Nell’ultimo decennio l’uso delle cinture di sicurezza è cresciuto in media in Italia in misura rilevante, di quasi 35 punti percentuali. A ridosso del 2000 le prevalenze d’uso osservate dal Sistema Ulisse erano attestate al 29,4%. Successivamente, con l’introduzione della patente a punti nel 2003 le percentuali d’uso sono salite al 70,7% per poi rallentare negli anni successivi fino ai valori attuali (63,8%).
L’uso delle cinture di sicurezza sulle strade extraurbane presenta generalmente valori più elevati di 5-10 punti percentuali a seconda delle diverse regioni rispetto ai tassi di utilizzo registrati in città.

L’Automobile Club d’Italia, per rendere ancora una volta consapevole l’opinione pubblica sulla pericolosità di viaggiare in auto senza utilizzare i dispositivi di sicurezza previsti anche dal Codice della Strada ha organizzato, con la collaborazione di alcuni importanti Automobile Club europei, un TEST su cinture e airbag.

Lo studio conferma - in sintesi - che cinture ed airbag formano un sistema integrato di protezione e che l’utilizzo delle cinture è da considerarsi un fattore di sicurezza inderogabile non solo per il conducente e per il passeggero che occupano i sedili anteriori, ma anche per i passeggeri che si trovano sui sedili posteriori, i quali contravvenendo all’obbligo di indossare la cintura di sicurezza, in caso di incidente, possono mettere a rischio la propria vita e quella degli altri occupanti la vettura.

Leggi il Dossier

 

Guarda il video